Moduli Domande e Autorizzazioni del Parco

PARERI E AUTORIZZAZIONI

Sono disponibili nell'apposita area download i modelli relativi alle principali tipologie di autorizzazioni e pareri.

Le domande, in carta semplice e senza marca da bollo, dopo essere state debitamente compilate, potranno essere:

  • consegnate di persona o spedite alla sede del Parco dell'Adamello, Piazza Tassara, n. 3, 25043 Breno (BS). (orario di apertura al pubblico dal lunedì al giovedì 8.00/12.00 - 14.00/17.00 e il venerdì dalle 8.00 alle 12.00);
  • inviate a mezzo FAX al n. 0364 22629;
  • inviate tramite e-mail a: info@parcoadamello.it



Tutte le richieste, al fine di una più immediata valutazione,  dovranno essere corredate da una cartografia di inquadramento (es. CTR, scala 1:10.000) con evidenziata l'area in intervento.

Il Parco, durante l'istruttoria tecnica, si riserva di chiedere integrazioni qualora ritenute indispensabili per la prosecuzione della procedura.

 

Per altre richieste specifiche e per qualsiasi informazione contattare il Parco con le modalità sopra citate, oppure telefonicamente al n. 0364 324011.

 

Si specifica che la richiesta di parere per allestimento campeggi mobili e temporanei di cui all'articolo 14 della LR 7/2001, è da intendersi a titolo puramente collaborativo poiché l'Ente preposto all'autorizzazione di tali strutture è il Comune.


TAGLIARE IL BOSCO NEL PARCO DELL'ADAMELLO

Le attuali disposizioni regionali in materia di "richiesta" di taglio del bosco prevedono, per i soprassuoli compresi all'interno dei parchi, l'ottenimento di specifico provvedimento autorizzativo da parte dell'ente gestore. Nel caso del Parco dell'Adamello è attivato un servizio di consulenza tecnica che garantisce il pieno supporto a tutti i proprietari che vorrebbero tagliare il proprio bosco.



PROCEDURA RISARCIMENTO DANNI CAUSATI DA ORSO, LUPO O LINCE IN LOMBARDIA

Regione Lombardia ha stipulato una polizza "kasko" per il risarcimento dei danni arrecati da orso, lupo e lince a cose ed animali (domestici, d'allevamento e da reddito in genere) su tutto il territorio regionale, senza nessuna franchigia, calcolato sulla base del valore di mercato del bene danneggiato.


Il danno dovrà obbligatoriamente essere accertato dalle Autorità competenti (Corpo Forestale dello Stato o Polizia Provinciale e ASL) e la richiesta di risarcimento va inoltrata alla Regione  Lombardia. Il modulo è scaricabile qui a lato, nella sezione "downloads" e, ad esso, vanno allegati il verbale di accertamento degli organi di sorveglianza e il verbale del Veterinario ASL reperibile.

Il referente per l'orso in Provincia di Brescia è l'Agente Paolo Tavelli della Polizia Provinciale (cell. 335-494159 oppure 030-3748011): a lui può essere fatta la prima telefonata di segnalazione per attivare la procedura di accertamento dei danni, così come chiamando il Corpo Forestale dello Stato al numero 1515 (emergenze ambientali). Va immediatamente avvisato della predazione anche il veterinario reperibile dell'ASL al numero 0364-329415, che assolve sia gli impegni relativi alla corretta gestione dei documenti sia gli aspetti sanitari legati alla perdita degli animali. il Nei Parchi dello Stelvio e dell'Adamello i referenti sono, rispettivamente, Luca Pedrotti e Anna Bonettini. 


L'allevatore che ha subito il danno facilita il lavoro del veterinario e dell'accertatore:

a. mettendo a disposizione gli animali morti e feriti da sottoporre ad accertamento;

b. provvedendo a non spostare o manipolare le carcasse, lasciandole nel luogo esatto dove sono state trovate;

c. preservando le carcasse sino all'ispezione; in caso di animali o di resti di ridotte dimensioni è necessario proteggerli da agenti modi?cativi esterni ricoprendoli con un telo;

d. assicurando che eventuali indizi presenti nell'area circostante gli animali morti (tracce, impronte, feci e peli) non vengano alterati;

e. mettendo a disposizione tutte le informazioni richieste al ?ne di accertare la dinamica della predazione.


Le autorità, durante il sopraluogo, compileranno un verbale congiunto, una copia del quale verrà  consegnata al danneggiato. La richiesta di risarcimento dovrà essere trasmessa dal soggetto che ha subito il danno a:

Regione Lombardia, Presidenza della Giunta Direzione Centrale

Organizzazione Personale Patrimonio e Sistema Informativo

U.O. Patrimonio e Acquisti

Struttura Sicurezza e Servizi Interni Unità Operativa Archivi, Assicurazioni e Servizi Interni

P.za Città di Lombardia, 1

20124 Milano


La richiesta di risarcimento del danno dovrà essere sempre corredata da:

  • dati anagrafici del soggetto proprietario o avente diritto al risarcimento e descrizione dettagliata del tipo di danno (es. animali feriti/morti, prodotti sottratti, metri di recinzione da sostituire, tipo di rete, etc.);
  • elementi in merito al valore del bene danneggiato che, in ogni caso, sarà ritenuto  valore  puramente indicativo basandosi ,in istruttoria, sul valore di mercato del bene danneggiato;
  • verbale dell'autorità competente per territorio (ASL e Polizia Provinciale o CFS) che, a seguito di sopralluogo certifichi che il danno è da attribuirsi ad una delle tre specie previste;
  • dichiarazione di non avere richiesto e di non richiedere altre forme di risarcimento per lo stesso danno.

Qui a lato, nella sezione "downloads" è disponibile in formato jpg anche lo stralcio delle condizioni della polizza assicurativa stipulata dalla Regione Lombardia.