Nel cuore del Parco senza auto 2022

Torna il servizio di bus navetta per accedere ai sentieri più frequentati

Lo chiedono i turisti, lo desiderano le strutture ricettive del territorio ed è anche l’ambiente ad auspicarlo. A grande richiesta torna quindi il servizio estivo di bus navetta nel cuore del Parco dell’Adamello. Inaugurato nell’estate 2021, il servizio viene riproposto anche quest’anno sui fine settimana del mese di agosto. Si va così a coprire non solo il cuore del Parco, facilitando e decongestionando l’accesso ai sentieri più amati, ma anche il cuore dell’estate. Con l’arrivo di agosto diventa infatti imprescindibile proporre una soluzione di trasporto in condivisione e quindi più sostenibile. Anche quest’anno, le linee attive sul territorio sono 6:

LINEA 1

Ponte di Legno – Temù – Malga Caldea

LINEA 2

Vezza d’Oglio – Val Paghera

LINEA 3

Edolo – Sonico – Val Malga

LINEA 4

Edolo – Monte Colmo

LINEA 5

Valle di Saviore (Loc. La Rasega) – Malga Lincino

LINEA 6

Breno – Bienno – Passo Crocedomini

Bus, minibus e bicibus comportano tutta una serie di vantaggi diretti al fruitore (turista e locale), oltre che alcune significative ricadute sul territorio. I vantaggi si contano prima di tutto a livello pratico: chi frequenta la montagna sa bene quanto difficile sia trovare parcheggio il fine settimana nelle aree adiacenti l’imbocco dei sentieri. Senza contare che, in alcuni di questi casi, il posteggio dell’auto è vietato. Stradine a una sola corsia, 

talvolta nei pressi di dislivelli scoscesi, s’intasano di parcheggi selvaggi rendendo difficoltoso il passaggio dei mezzi per qualsiasi evenienza. Un risvolto decisamente poco simpatico e a tratti anche pericoloso che trova una soluzione molto semplice ed efficace nell’impiego dei bus navetta. 

Al territorio più facilmente percorribile si sommano la crescita e il consolidamento di una rete turistica e ricettiva in costante evoluzione. Iniziative come questa rappresentano infatti un importante banco di prova per incoraggiare ristoratori e gestori di rifugi a lavorare insieme. Figure professionali che vivono la montagna e che sono quindi chiamate a rafforzare la collaborazione diffondendo le informazioni sulle tratte disponibili. Senza contare che quando i luoghi divengono più facilmente raggiungibili e le strade restano libere da ingorghi e posteggi non autorizzati, chi abita la montagna non può che trarne giovamento a livello pratico.

Se i vantaggi appaiono evidenti per chi vive e frequenta la montagna per turismo o lavoro, c’è un altro aspetto che pare giusto sottolineare. Stiamo vivendo una delle estati più torride degli ultimi anni. Le temperature elevate stanno di fatto avendo la meglio su quanti ancora dubitano dei cambiamenti climatici e dell’impatto dell’inquinamento sul benessere nostro e del pianeta. Il Parco dell’Adamello ritiene quindi a maggior ragione fondamentale implementare servizi che consentano di risparmiare carburante ed emettere meno CO2. Ne va della qualità dell’aria che noi tutti respiriamo, nonché della salvaguardia di un territorio che ha bisogno del turismo e allo stesso tempo di prendersi cura dell’ambiente montano tenendo conto delle sue fragilità. 

Oltre agli orari, per ognuna delle 6 linee è indicato il numero di telefono di riferimento per la prenotazione.