Piccolo vademecum per visitatori responsabili

Negli ultimi cinquant’anni, la natura ha riconquistato i suoi spazi sulle montagne: nelle valli sempre meno abitate e sfruttate per l’allevamento e per il legname, avanzano i boschi e aumenta la biodiversità di molti habitat alpini.


Ma oggi le Alpi devono fare i conti con nuovi problemi: i cambiamenti climatici, l’urbanizzazione dei fondovalle, l’impatto crescente delle varie forme di turismo, sia in termini di infrastrutture (nuove strade, alberghi, impianti di risalita) sia in termini di disturbo diretto. Infatti molte delle attività all’aria aperta che siamo abituati a considerare “leggere” e “innocue” non sono sempre così “ecosostenibili”: spesso escursionisti, alpinisti, scialpinisti e fotografi inseguono la loro passione nei pochi ambienti appartati risparmiati dalla massa dei turisti, dove senza volerlo interferiscono con la fauna e con gli ecosistemi delicati delle praterie alpine, dei canaloni, dei torrenti, delle pareti, delle vette e dei ghiacciai. Il rischio è quindi quello di rompere l’equilibrio degli ultimi lembi di natura alpina ancora incontaminata.


Normalmente chi si dedica a queste attività è sensibile al fascino e al rispetto della natura: di sicuro quindi non farà piacere a nessuno scoprire di essere potenziali fonti di disturbo per l’ambiente o di pericolo per gli animali.


Scarica gli approfondimenti: